Idee

Origine pomodoro, la fake news estiva

fake origine alimenti

Il decreto origine pomodoro finalmente vige in Italia? È la fake news estiva più gettonata nel settore alimentare, senza dubbio. Ecco perché.

Origine pomodoro, il decreto fuorilegge

La filiera italiana del ‘rosso’ ha da tempo raggiunto un accordo solenne. Le industrie di trasformazione, al Nord come al Sud, sono disposte a indicare in etichetta l’origine dei pomodori impiegati in tutte le conserve Made in Italy destinate al mercato nazionale. Come Coldiretti da anni predica, agitando lo spauracchio della pummarola cinese.

Il circo Gentiloni, dieci giorni prima di venire scacciato dagli elettori, faceva pubblicare in Gazzetta un decreto che sembrava introdurre l’obbligo di etichettatura della provenienza dei pomodori nelle conserve.

II decreto è però illegittimo, poiché gli allora ministri firmatari – Maurizio Martina e Carlo Calenda – hanno deliberatamente omesso la sua preventiva notifica alla Commissione europea. Notifica che è invece doverosa e rappresenta la conditio sine qua non per poter applicare qualsivoglia norma tecnica emanata dagli Stati membri. (1)

Le autorità amministrative e giudiziarie, secondo consolidata giurisprudenza UE, hanno quindi il dovere di disapplicare tale normativa. (2) Così come gli altri decreti su origine pasta, riso, latte e il d.lgs. 145/17 sulla sede dello stabilimento. Proprio perché tali provvedimenti, a dispetto della loro solo apparente vigenza, sono in sostanziale contrasto con il diritto UE.

Origine, la vera questione da affrontare 

Tutti gli stakeholder vogliono l’origine del pomodoro sulle etichette di ogni conserva realizzata in Italia. Chi coltiva e chi trasforma, i distributori come i consumatori. Ed è perciò che le industrie conserviere italiane hanno deciso di applicare i requisiti d’informazione previsti dal decreto interministeriale, senza neppure badare alla sua illegittimità per contrasto con le regole europee.

È tuttavia utile chiarire che l’indicazione in etichetta dell’origine dei pomodori utilizzati nelle relative conserve rimane facoltativa, e non obbligatoria come molti insistono nel raccontare. Perché appunto, il DM 16.11.17, Indicazione dell’origine in etichetta del pomodoro, è illegittimo e non può venire applicato nei confronti di chi, eventualmente, decida di non fornire le notizie ivi previste.

La vera questione da affrontare ha invece ben altra ampiezza, poiché attiene all’opportunità di introdurre in tutta Europa l’obbligo di etichettatura d’origine delle materie prime su un’ampia serie di prodotti alimentari. L’origine non serve ai soli ‘rossi’, ma alla generalità delle materie prime su:

– alimenti mono-ingrediente (es. cereali, legumi, succhi),

– prodotti dotati di un ingrediente primario, che rappresenta cioè il 50% o più del totale,

– cibi che contengano carne, latte e loro derivati.

L’etichettatura d’origine dovrebbe venire imposta a livello UE – e non nazionale – su tutti i prodotti sopra citati. Sulla base del Food Information Regulation (reg. UE 1169/11) e delle aspettative dei consumatori. E venire estesa ad alcuni cibi serviti dalle collettività, come la carne nei ristoranti.

La Commissione europea guidata da Jean-Claude Juncker rimane tuttavia ancorata agli interessi di Big Food, in direzione diametralmente opposta. (3) E si ostina a non riscontrare le richieste di trasparenza in etichetta, più volte espresse dal Parlamento europeo con apposite risoluzioni. (4) 

Il regolamento Origine Pianeta Terrareg. UE 2018/775, è un esempio eclatante della volontà di mantenere segreta la provenienza dell’ingrediente primario. È stato approvato senza riserve da Paolo Gentiloni, come dagli eurodeputati italiani.

Nessuno dei sedicenti paladini del Made in Italy e della trasparenza in etichetta – né Coldiretti, né il sistema cooperativo, né le associazioni dei consumatori – ha aderito alla proposta di Great Italian Food Trade di presentare ricorso al Tribunale di Lussemburgo contro tale osceno regolamento. 

Origine pomodoro, la fake news condivisa

La falsa notizia sulla teorica vigenza del decreto ministeriale sull’origine del pomodoro permane sul sito del MiPAAF, ora MiPAAFT. È stata ripresa sul sito dell’attuale ministro Gian Marco Centinaio come pure dalle agenzie di stampa (ANSA e AGI), da Coldiretti e dal Sole 24 Ore, il quotidiano di Confindustria.

La fake news è stata anche riportata da Milena Gabanelli sul Corriere della Sera, a giugno scorso. E da AltroConsumo, a fine agosto. E così da varie autorevoli riviste di settore. Nessuno ha avuto cura di eseguire un preventivo fact checking. (5)

Il diffuso compiacimento, tuttavia, non basta a rendere vero ciò che è invece falso. Solo a confermare la superficialità – o malafede – di coloro che dovrebbero rappresentare gli interessi collettivi. E l’inaffidabilità degli organi d’informazione in Italia, su ogni livello. 

Dario Dongo

Note

(1) V. dir. 2015/1535/UE, reg. UE 1169/11

(2) Cfr. sentenza ‘Fratelli Costanzo’ (causa C-103/88, punti 31-33), Corte di Giustizia UE

(3) Vedasi https://www.foodagriculturerequirements.com/archivio-notizie/europa-origine-delle-materie-prime-la-commissione-propone-di-mantenere-lo-status-quohttps://www.foodagriculturerequirements.com/archivio-notizie/europa-origine-delle-carni-impiegate-quali-ingredienti-di-altri-prodotti

(4) Si vedano gli articoli https://www.foodagriculturerequirements.com/approfondimenti_1/origine-del-latte-le-risoluzione-di-strasburgo e https://www.foodagriculturerequirements.com/approfondimenti_1/etichettatura-d-origine-prosegue-il-dibattito-tra-commissione-e-parlamento-europeo

(5) La verifica di preventiva notifica a Bruxelles delle norme tecniche nazionali, a dire il vero, è piuttosto semplice. Atteso che la Commissione europea mantiene regolarmente aggiornato il registro pubblico delle notifiche ricevute dagli Stati membri, e dello stato delle relative procedure

Informazioni sull'autore