Salute

Fibre e cereali integrali, lunga vita in salute

Fibre e cereali integrali, lunga vita in salute

L’aderenza a una dieta ricca in fibre e cereali integrali riduce fino a un terzo il rischio dì mortalità prematura. È quanto emerge dalla revisione sistematica e meta-analisi di 40 anni di studi scientifici, realizzata per conto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e pubblicata il 10.1.19 su The Lancet. (1)

Fibre alimentari e salute, 243 studi a confronto

I ricercatori dell’Università di Otago (Nuova Zelanda), in uno studio commissionato dalla World Health Organization’, hanno esaminato 185 studi prospettici su 135 milioni di individui e 58 studi clinici su 4635 adulti, condotti nell’arco di quasi 40 anni. Con l’obiettivo di valutare il ruolo di fibre e cereali integrali, indice glicemico e carico glicemico sulla salute umana.

Gli studi clinici considerati mostrano una riduzione significativa (-15-30%) delle morti premature e dell’incidenza di malattie cardiovascolari, ictus, diabete di tipo 2 e tumore del colon-retto, per chi assume livelli importanti di fibre alimentari e cereali integrali.

Il maggiore apporto di fibra e cibo integrale si associa inoltre a un indice di massa corporea (Body Mass Index, BMI) e un tenore di colesterolo ematico totale inferiori.

L’autore principale della ricerca, il dr. Andrew Reynolds, spiega che i risultati offrono una prova convincente dell’opportunità per gli individui di aumentare gli apporti di fibre alimentari e sostituire i cereali raffinati con i quelli integrali o comunque ‘meno raffinati. Sottolineando il valore di tale approccio dal punto di vista fisiologico, metabolico e microbiotico intestinale.

I risultati viceversa non consentono di associare specifici benefici alla riduzione di indice e carico glicemico. Il Professor Jim Mann, co-direttore dell’Obesity Research Centre, in Nuova Zelanda, attribuisce ciò al fatto che ‘gli alimenti con basso indice glicemico o basso carico glicemico possono contenere anche zuccheri aggiunti, grassi saturi e sodio, che potrebbero ridurre gli effetti benefici sulla salute’.

Quanta fibra nella dieta quotidiana?

L’apporto quotidiano di fibra raccomandato dall’OMS varia tra i 25 e i 30 grammi. Il consumo medio, a livello globale, è tuttavia inferiore ai 20 g di fibre al giorno. L’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA), a sua volta, ha indicato in 25 g il fabbisogno giornaliero raccomandato.

Aumentare le fibre nella dieta è semplice. In essenza, bisogna basare i propri pasti e gli spuntini su verdure e frutti intericereali integrali e legumi. Assumere ogni giorno cinque porzioni di frutta intera e/o verdurasostituire pane pasta e riso con le versioni integrali o semigrezze, scegliere cereali per la colazione con fibre di qualità come avena, segale e grano saraceno. Inserire i legumi nella dieta 2-3 volte la settimana, assumere quantità moderate di frutta secca e/o semi oleaginosi.

Dario Dongo e Carlotta Suardi

Note

(1) Cfr. Andrew Reynolds et al., mais High intake of dietary fibre and whole grain foods reduces risk of non-communicable diseases’ (2019), su The Lancet. https://doi.org/10.1016/S0140-6736(18)31809-9

INRAN Linee guida per una sana alimentazione italiana. 2003.

Società Italiana di Nutrizione Umana (SINU) LARN: Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia per la popolazione italiana, IV revisione, 2014.

Informazioni sull'autore

Aggiungi commento

Clicca qui per scrivere un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.