HomeMercatiBiologico in volata, Coldiretti sale a bordo

Biologico in volata, Coldiretti sale a bordo

Il biologico vola e anche Coldiretti vi sale a bordo, siglando un accordo con FederBio al Vinitaly di Verona. AssoBio a sua volta coordina un progetto co-finanziato dall’UE per promuovere il valore dell’agricoltura biologica. 

Vinitaly 2019, brindisi al bio 

Vinitaly 2019 celebra ancora l’inarrestabile crescita del vino biologico. In vigna e a scaffale:

– il 12% dei vigneti italiani è certificato come biologico (un record) e fornisce circa 500 milioni di litri di vini bio,

– le performance dei vini bio nei supermercati italiani hanno registrato una crescita media del 46%, a fronte del +7% del convenzionale (fonte FederBio). Con un picco del + 67,8% sulle bollicine bio (+45,6% le IGT, +41,9% DOC e DOCG. Dati 2018, fonte Assobio).

Crescita a tre cifre, secondo l’Osservatorio bio 2019 di Nomisma. +314% le vendite di vini e spumanti bio in GDO, dal 2016 al 2019, a raggiungere i 31,5 milioni di euro (dati Nielsen). Le referenze bio in assortimento sono aumentate del 222% in 3 anni (’16-‘18), da 154 a 479. 

AssoBio, progetto europeo di promozione

European Organic Partners’ (EOPè il consorzio costituito da Assobio, l’associazione nazionale delle imprese di trasformazione e distribuzione di prodotti biologici. EOP si occuperà tra l’altro di promuovere l’agroalimentare biologico nell’ambito di un progetto del valore di 8 milioni di euro, co-finanziato all’80% dall’UE. Da attuarsi proprio nei primi tre Paesi produttori di alimenti nel vecchio continente (Germania, Francia e Italia).

Aiuti concreti per promuovere le aziende bio nelle fiere di settore, formazione e workshop, comunicazione. Quanto serve a condividere con il grande pubblico i valori e le prospettive del bio in Europa, superando una volta per tutte la disinformazione di regime.

Biologico, il grande passo di Coldiretti

Coldiretti – prima confederazione agricola in Europa – dichiara di essere pronta a promuovere l’agricoltura biologica tra i suoi associati. Un segno dei tempi, la svolta a pochi mesi da posizioni ancora critiche. Un segnale di speranza soprattutto, l’idea che il 70% delle imprese agricole in Italia possa decidere di liberare l’ambiente italiano e i suoi consumatori dagli agrotossici.

Il protocollo d’intesa – di ciò si tratta, per adesso – è stato siglato con FederBio, altra storica organizzazione, guidata da Paolo Carnemolla. Il quale, in un’intervista a GIFT, spiegò le complessità burocratiche che rallentano il sistema e gli strumenti adottati per prevenire e contrastare le frodi.

Riforma del sistema di certificazione, semplificazione degli adempimenti, tracciabilità digitale delle produzioni e delle importazioni bio. Questo è il programma che le due organizzazioni hanno concordato di promuovere assieme.

Marta Strinati e Dario Dongo

Marta Strinati
Marta Strinati
Giornalista professionista dal gennaio 1995, ha lavorato per quotidiani (Il Messaggero, Paese Sera, La Stampa) e periodici (NumeroUno, Il Salvagente). Autrice di inchieste giornalistiche sul food, ha pubblicato il volume "Leggere le etichette per sapere cosa mangiamo".
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli recenti

Commenti recenti

Translate »