Mercati

Marchi +, Brevetti +, Disegni + e trasferimento tecnologico. Nuovi bandi e vecchi trucchi

Marchi +, Brevetti +, Disegni + e trasferimento tecnologico. Nuovi bandi e vecchi trucchi

Il ministero dello Sviluppo economico ha finalmente reso note le modalità di accesso alle misure ‘Marchi +’, ‘Brevetti +’, ‘Disegni +’. (1) Oltre agli incentivi al trasferimento tecnologico della ricerca pubblica. Nuovi bandi e vecchi trucchi. Dettagli a seguire.

‘Marchi +’, ‘Brevetti +’, ‘Disegni +’. I nuovi bandi

Le risorse finanziarie stanziate per le tre misure ammontano a € 38,3 milioni complessivi, ripartiti come segue:

– ‘Brevetti+’ (contributi all’acquisto di servizi specialistici, finalizzati a valorizzare i brevetti), € 21,8 milioni,

– ‘Disegni+’ (contributi alla realizzazione di progetti tesi a valorizzare disegni o modelli registrati presso uffici nazionali o regionali di proprietà intellettuale), € 13 milioni,

– ‘Marchi+’ (contributi all’acquisto di servizi specialistici volti a registrare marchi UE presso l’Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale, EUIPO, ovvero marchi internazionali presso l’Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale, OMPI), € 3,5 milioni.

Le domande di accesso agli incentivi potranno venire presentate a partire dalle seguenti date (e verranno comunque considerate fino a esaurimento delle risorse):

– 30.1.20, ore 12, per le domande relative al bando ‘Brevetti+’,

– 27.2.20, ore 9, per le richieste di contributo a ‘Disegni+’,

– 30.3.20, ore 9, per le istanze che riguardano ‘Marchi+’.

Le procedure di gestione delle domande sono affidate a Invitalia (per il bando ‘Brevetti+’) e Unioncamere (per i bandi ‘Disegni+’ e ‘Marchi+’).

Incentivi al trasferimento tecnologico della ricerca pubblica

Università ed enti pubblici di ricerca vengono a loro volta incentivati a promuovere il trasferimento tecnologico. Le risorse a disposizione per il 2020:

– € 7 milioni, per finanziare progetti di potenziamento degli Uffici di trasferimento tecnologico (UTT),

– € 5,3 milioni, per finanziare progetti di valorizzazione dei brevetti (denominati ‘Proof of Concept’ – PoC).

Le brevi finestre temporali entro cui presentare le domande:

– dal 16.12.19 al 14.2.20 per i progetti UTT, da inviare alla Direzione Generale dell’UIBM (Ufficio Italiano Brevetti e Marchi), presso il MISE,

– dal 13.1.20 e al 27.2.20 per i progetti PoC, all’indirizzo di Invitalia.

Nuovi bandi e vecchi trucchi

I nuovi bandi vengono presentati dal Mi.S.E. (Ministero per lo Sviluppo Economico) con l’obiettivo di ‘fornire un quadro di strumenti finanziari e normativi in grado di dare, nei prossimi mesi, stabilità e certezza sia alle imprese che investono sul loro know how che alle università e agli enti di ricerca impegnati in progetti di ricerca e sviluppo da trasferire in campo industriale’.

I vecchi trucchi sono purtroppo gli stessi, seppure adottati su nuove misure:

– il ritardo del decreto attuativo, che avevamo già denunciato, comporta lo slittamento al 2020 delle misure previste nel ‘decreto crescita’ per il 2019, (2)

– la copertura dei finanziamenti è limitata a una quota dei soli costi di registrazione di marchi e brevetti. I quali rimangono particolarmente onerosi per le PMI, soprattutto nella fase istruttoria,

– la brevità dei termini per i finanziamenti al trasferimento tecnologico limita di fatto il suo accesso ai pochi enti già preparati a presentare le relative domande. (3)

Dario Dongo e Selena Travaglio

Note

(1) V. decreto Mi.S.E. 18.10.19, Programmazione dei bandi relativi alle misure brevetti+, marchi+ e disegni+. In Gazzetta Ufficiale 31.10.19,

(2) Si vedano i precedenti articoli https://www.greatitalianfoodtrade.it/mercati/decreto-crescita-incentivi-a-pmi-e-startup-innovative-ancora-in-attesa-dei-fondi, https://www.greatitalianfoodtrade.it/mercati/decreto-crescita-in-vigore-dal-30-giugno-2019-le-novità

(3) Sul rapporto tra ricerca pubblica e benefici alle Corporation si richiamano le lucide note di Mariana Mazzucato. Breve sintesi nell’articolo di João Medeiros, This economist has a plan to fix capitalism. It’s time we all listened, su Wired, 8.10.19.

Informazioni sull'autore