Biscotti

Biscotti Savoiardi

Biscotti Savoiardi

Biscotti Savoiardi ricetta di bontà

Secondo le cronache i delicati biscotti Savoiardi furono inventati dai mastri pasticceri della Corte dei Duchi di Savoia nel 1300. La data di origine non è certa, ma questo dolce tipico di Piemonte e Sardegna si è affermato anche quale ingrediente fondamentale di tante preparazioni, dalla zuppa inglese alla torta Charlotte. Anche se la ricetta di maggiore fama è il tiramisù.

Ideali per essere inzuppati o impiegati al posto del pan di spagna, i leggeri biscotti Savoiardi hanno formato allungato e sono morbidi e friabili al tatto. Sono famosi in tutto il mondo, con nomi diversi. Come molte cose in Italia, anche questi dolciumi vengono esaltati dalle rielaborazioni regionali. A Napoli si intingono nel sanguinaccio, mentre le versioni sarda (che si chiama pistoccu) e siciliana contengono più uovo di quella piemontese.

La ricetta che consente l’attribuzione della denominazione di biscotti Savoiardi secondo la legge italiana richiede un impasto contenente zuccheri, farina di frumento e uova intere di gallina di categoria “A” in quantità non inferiore al 26%. Il processo di trasformazione prevede la miscelazione della pasta fino a ottenere una massa spumosa e leggera e la sua colatura su una teglia alveolata in forma di bastoncini, spolverizzati di zucchero prima della cottura.

Informazioni sull'autore

Aggiungi commento

Clicca qui per scrivere un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.