HomeIdeeFoodwatch, stop ai pesticidi col ricatto della fame

Foodwatch, stop ai pesticidi col ricatto della fame

Pubblichiamo – con piena condivisione dei contenuti – un commento di Matthias Wolfschmidt, direttore strategico di Foodwatch International. (1)

Quando è stata l’ultima volta che hai avuto paura della fame? Non solo mangiare un po’ meno per perdere qualche chilo, né accorgersi che il frigo è vuoto. La vera fame. Sperimentare la vera fame era una realtà quotidiana per 828 milioni di persone nel 2021. Nel 2020, 3,1 miliardi di persone non potevano permettersi una dieta sana.

Quelli di noi abbastanza fortunati da vivere nell’UE non hanno dovuto sperimentare questo livello di fame. Tuttavia, ogni volta che le normative minacciano l’attuale modello di agro-business dell’UE, l’industria agricola gioca la “carta della fame”. Attiva le nostre paure primarie di non averne abbastanza e pianta il seme della paura che, senza il loro intervento, il nostro futuro sia una crisi alimentare.

Giocare al gioco della fame

Il sistema agricolo altamente sovvenzionato dell’UE è annunciato come uno dei più efficienti del pianeta, ben posizionato nel mercato globale. È la terra promessa dove scorre tanto latte (e carne e alcol) che possiamo esportare più di qualsiasi altra regione del mondo.

Ci viene detto che tutti dobbiamo questa abbondanza a una fiorente industria agrochimica. Che sono costantemente impegnati per consentire rese sempre più elevate e ridurre la tossicità. Dovremmo essere loro grati per aver nutrito noi e il resto del mondo.

Questa è la favola raccontata per decenni dall’industria dei pesticidi. Le fanno eco l’industria dei mangimi, l’industria della carne e dei latticini, i rivenditori e i trasformatori di alimenti, che traggono tutti vantaggio dalla costante fornitura di prodotti a basso costo garantita dalla sovrapproduzione. Persino i contadini rimanenti annunciano il successo dell'”agricoltura moderna”, temendo di perdere la gara se riducono l’intensità dei loro metodi di coltivazione.

Dove si prendono le decisioni sulla politica agricola, c’è un esercito di lobbisti pagati, politici ortodossi, membri di varie burocrazie ministeriali, scienziati sponsorizzati, riviste agricole disposti a ripetere sempre gli stessi messaggi: L’Europa nutre il mondo e senza i nostri pesticidi e fertilizzanti ci sarà una crisi alimentare.

Finanziare il mito

Il sistema di produzione alimentare dell’UE è caratterizzato da un flusso costante di forniture a basso costo da paesi terzi: combustibili fossili, fertilizzanti non rinnovabili, materie prime e persino manodopera agricola (raccoglitori di frutta e verdura).

Le catene di supermercati ormai quasi onnipotenti ne traggono enormi benefici. Grazie al loro immenso potere d’acquisto, decidono cosa viene prodotto, il prezzo, la qualità e con quali modalità.

Morsi di realtà

C’è più che sufficiente cibo prodotto nel mondo per sfamare tutti sul pianeta. Solo il 23% dei terreni agricoli disponibili a livello mondiale viene utilizzato per il consumo umano diretto, contribuendo all’82% delle calorie necessarie. Il restante 77% dei terreni agricoli (seminativi e pascoli) viene utilizzato per la produzione di mangimi (e agrocarburanti) e fornisce in definitiva solo il 18% dell’apporto calorico dell’umanità.

L’UE nutre circa 7 miliardi di animali da allevamento all’anno. Quasi l’80% di tutte le risorse di produzione agricola nell’UE sono utilizzate per nutrire gli animali da allevamento. Le risorse (mangimi, acqua, medicinali) per mantenere questa grande quantità di biomassa animale sono immense.

Nell’UE vengono prodotti ogni anno 80 milioni di tonnellate di rifiuti alimentari, per un valore stimato di 143 miliardi di euro. Sono escluse le quantità che rimangono in campo a causa di difetti estetici, mancanza di manodopera per la raccolta o prezzi alla produzione troppo bassi. Né include i milioni e milioni di animali da allevamento malati che muoiono negli allevamenti e non raggiungono nemmeno i macelli e gli scaffali dei supermercati.

Nonostante l’abbondanza di cibo e persino la sovrapproduzione dispendiosa, c’è un’ossessione per la massimizzazione dei raccolti. La riduzione dei pesticidi è attualmente oggetto di accesi dibattiti e vengono sollevate pseudo argomentazioni vecchie di decenni che non sembrano mai scomparire. Tuttavia questo messaggio va scartato per quello che è: un mito alimentato da un’industria per aumentare i profitti. Non ha nulla a che fare con l’alimentazione delle persone.

Non cambiare le regole!

Per decenni, il discorso sulla protezione delle colture si è concentrato quasi esclusivamente sul controllo chimico dei parassiti. La maggior parte degli agricoltori convenzionali è stata sistematicamente indottrinata sul fatto che questo è l’unico modo per produrre ciò che è necessario. La riduzione o la regolamentazione dei pesticidi, si sostiene, causerebbe shock di resa. L’elevata resa dei raccolti a tutti i costi è ancora l’obiettivo principale di molti agricoltori.

L’attuale sistema agricolo dell’UE si trova in una situazione di “blocco dei pesticidi”. Finora, la maggior parte degli agricoltori è stata costretta a usare i pesticidi. Le politiche attuali non affrontano i fattori economici che determinano l’uso dei pesticidi e non promuovono i tanto necessari cambiamenti nel commercio internazionale, nella politica climatica, nello sviluppo rurale e nella politica alimentare. L’influenza politica di potenti aziende e gruppi di interesse impedisce qualsiasi progresso. In un recente studio sull’inquinamento da pesticidi nelle acque, il termine “blocco istituzionale” viene utilizzato per indicare il potere cementante di alcuni gruppi di interesse in combinazione con l’ignoranza normativa, il comportamento apatico e la mancanza di volontà politica da parte degli attori statali.

Gioco finito

L’eliminazione completa dell’agricoltura controllata dai pesticidi è possibile e fattibile entro 15 anni con un approccio raccolto per raccolto, come ha dimostrato il foodwatch nel recente rapporto pubblicato “Locked in Pesticides”.

Il prerequisito per porre fine con successo all’era dell’agricoltura chimica sintetica, tuttavia, è riconoscere e fermare il gioco fame-paura che l’industria dei pesticidi e i loro compagni di squadra co-profittatori delle industrie agroalimentari, hanno giocato per più di 70 anni. I pesticidi chimici sintetici non sono chiaramente la soluzione. Sono il fulcro dei problemi del sistema agricolo odierno, che è completamente dipendente dall’energia fossile.

Il gioco di carte della fame è un feroce bluff. Nuove regole sono scadute. È tempo di dire all’industria dei pesticidi: “Game Over”.

Note

(1) Hunger Games and Locked-in Pesticides. A commentary by foodwatch International Strategy Director Matthias Wolfschmidt. Foodwatch International. 27.9.22 https://www.foodwatch.org/en/news/2022/hunger-games-and-locked-in-pesticides/?cookieLevel=accept-all

V. anche

Marta Strinati. Aumento dei prezzi e crisi alimentare in tempo di guerra. Retroscena nel rapporto iPES FOOD. GIFT (Great Italian Food Trade), 10.55.22

Dario Dongo. Da Farm to Fork a Farm to War, l’appello della scienza per una strategia alimentare resilienteGIFT (Great Italian Food Trade). 22.3.22

GIFT GREAT ITALIAN FOOD TRADE
+ posts

Articoli correlati

Articoli recenti

Commenti recenti

Translate »