HomeMercatiCracker con farina di grillo, il Made in Italy mancato

Cracker con farina di grillo, il Made in Italy mancato

Il triplo delle proteine e la metà dei grassi, con una lieve riduzione anche dei carboidrati, rispetto alla media dei crackers in commercio. È lo snack Crické, arricchito con farina di grillo. L’innovazione sostenibile che ha costretto tre giovani italiani a migrare a Londra per superare gli ostacoli normativi e burocratici del Bel Paese.

Tre cervelli in fuga

Il progetto Crické nasce 5 anni fa dall’intuizione di Edoardo e Francesco. Un business consultant e un designer che riflettono sul costo ambientale delle proteine animali e decidono di ragionare sull’impiego di ‘gamberetti di terra’ nella produzione alimentare. Proteine nobili e sostenibili che in un paio d’anni trovano anche espressione culinaria grazie all’ingresso di Marco, chef esperto e terzo socio. L’impresa debutta a ottobre 2018 con l’immissione in commercio di cinque prodotti da forno (3 crackers e 2 tortilla chips) e una farina.

L’impiego degli insetti nelle produzioni alimentari è già consentito in diversi Paesi europei come Belgio, Finlandia, Francia, Lussemburgo, Olanda, Regno Unito e Svizzera. Non è ancora ammesso invece in Italia, sebbene si tratti di un’ottima occasione per creare valore nella produzione agricola primaria Made in Italy.

Le ragioni del grillo

L’entomofagia – già pratica abituale in varie parti del pianeta – inizia a incontrare curiosità e interesse anche presso i consumatori italiani, come ha mostrato il più ampio sondaggio finora realizzato in Italia. L’urgenza di ridurre il costo ambientale delle produzioni alimentari è del resto un’esigenza sempre più condivisa dai consumatori. E vi è un altro aspetto che può facilitare l’ingresso degli insetti a tavola, sotto forma di farine in prodotti da forno e snack.

La farina di grillo offre il 70% di proteine (a fronte del 23% della carne di manzo) e apporta altri micronutrienti quali vitamine, minerali, acidi grassi essenziali. Combinata con semi vegetali, olio extravergine di oliva e farina di grano tenero semi-integrale, nel Crické, viene proposta come un superfood biologico ‘on the go’. Spezzafame ideale, jolly da aperitivo, snack per sportivi.

Un super cracker

L’intera linea Crické – che conta 5 referenze tra cracker e tortilla, più una farina di grillo – si caratterizza per le ‘clean labels’. Pochi ingredienti di qualità, nessun additivo, profilo nutrizionale equilibrato e distintivo. I Cricket Crackers con semi di girasole e chia, ad esempio, contengono 7 soli ingredienti: farina di grano tenero, semi di girasole (15%), farina di grillo (12%), semi di chia (6%), olio extravergine d’oliva, semi di papavero e sale.

Il profilo nutrizionale è interessante. 100 grammi di cracker forniscono

– poco meno di 400 kCal,

– 12,3% grassi, di cui 1,5% saturi,

– 50 g di carboidrati, di cui 3,1 g di zuccheri,

– 3,3 grammi di fibre,

– 22,3 g di proteine,

– 2 g di sale (un aspetto da migliorare, con una drastica riduzione),

– 1,7 mg di vitamina B12 (il 66% della dose giornaliera raccomandata).

La nota dolente è per ora rappresentata dal prezzo, troppo elevato per chi non goda degli stipendi del Regno Unito (48 €/kg). Ma chissà mai, tra un Crické e un Cricket, che l’economia di scala non possa facilitarne la ‘democratizzazione’.

Marta Strinati
+ posts

Giornalista professionista dal gennaio 1995, ha lavorato per quotidiani (Il Messaggero, Paese Sera, La Stampa) e periodici (NumeroUno, Il Salvagente). Autrice di inchieste giornalistiche sul food, ha pubblicato il volume "Leggere le etichette per sapere cosa mangiamo".

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli recenti

Commenti recenti

Translate »