Idee

Prodotti riconosciuti come sani

Dalle Autorità statunitensi di APHIS (Animal and Plant Health Inspection Service) una buona notizia per l’export nazionale: hanno ufficialmente riconosciuto l’indennità di Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto, Piemonte e delle Province autonome di Trento e Bolzano dalla Malattia Vescicolare del suino.
Questo atteso riconoscimento rappresenta un primo passo per l’export dei salumi italiani (salami, coppe, pancette, speck) verso gli Stati Uniti d’America, che al momento permettono solo l’ingresso di alimenti come il prosciutto cotto e la mortadella.
Lisa Ferrarini, Presidente di ASSICA ha dichiarato: “E’ da tempo che ci battiamo affinché vengano messe in atto efficaci soluzioni per risolvere problemi di limitazioni all’export dei salumi italiani, della carne suina e degli altri prodotti freschi. La mancata vendita stimata è, solo per gli USA, di circa 2.000 tonnellate, con un danno per le imprese di trasformazione che può essere quantificato intorno ai 18 milioni di euro ogni anno”.
L’Autority americana dichiara di aver valutato il rischio derivante dall’importazione di prodotti a base di carni suine a breve stagionatura dall’Italia e di ritenere che le misure di sorveglianza, prevenzione e controllo attuate sono soddisfacenti per autorizzare le procedure di export dei salumi italiani.