Idee

Negli USA danni epatici in aumento

Negli USA danni epatici in aumento

Negli USA la deregulation nel settore degli integratori alimentari presenta il conto. Nel biennio 2010-2012 i ricoveri ospedalieri per gravi danni epatici correlati all’assunzione di supplementi dietetici pericolosi hanno raggiunto il 20% dei casi dovuti all’uso di sostanze.

Il dato emerge dalla ricerca presentata al Liver Meeting 2013 da un network di medici specialisti delle malattie del fegato. E rilancia l’allarme sulla commercializzazione di prodotti nocivi ‘Made in USA’. Pillole e polveri, quasi sempre privi di controlli di sicurezza, proposti con claims che promettono di “bruciare” i grassi, aumentare la massa muscolare e far perdere peso velocemente.

Negli USA sono circa 55.000 gli integratori in commercio. Di questi, appena lo 0,7% è sottoposto a studi di sicurezza volontari prima della vendita, il Dietary Supplement Health and Education Act del 1994 consente alla FDA di intervenire, e ordinare il ritiro dagli scaffali, soltanto al manifestarsi di eventi avversi. Un sistema diametralmente opposto a quello vigente nella UE, dove la sicurezza è il requisito essenziale per stare sul mercato degli integratori.