Idee

Ideale per polenta e risotti

Il Taleggio non è un formaggio, è una forma d’arte. Crosta rugosa con sfumature che vanno dal rosa al brunito. Pasta cremosa e di colore giallo paglierino. Profumo intenso, penetrante. Sapore pieno che rappresenta tutta l’essenza della stagionatura in grotta. Il Taleggio va consumato a temperatura ambiente, solo così lo si può gustare appieno.

La scorza conferisce al Taleggio DOP buona parte del suo sapore ed è perciò consigliabile raschiarne lo strato più superficiale anziché rimuoverla completamente. Può essere apprezzato da solo, con pane e bruschette oppure fuso insieme alla polenta. Si scioglie facilmente e per questo risulta ottimo per mantecare i risotti.

Tra le ricette, un classico intramontabile è il risotto con radicchio e Taleggio. Stuzzicante l’abbinamento con frutta secca o fresca e con marmellate, mostarde e miele. Si accosta splendidamente con vini rossi e giovani con note fresche e acidule, adatte ad attenuare la sua naturale untuosità. Ad esempio una Bonarda frizzante dell’Oltrepo Pavese per un connubio territoriale tutto lombardo.