Idee

Fedeli alla linea, senza bavagli

Fedeli alla linea, senza bavagli

All’alba delle festività natalizie è stata notificata alla nostra PEC l’ennesima diffida di un avvocato che pretende la rimozione di alcuni articoli pubblicati su questo sito. A seguire la nostra risposta. Fedeli alla linea, senza arretrare, per un’informazione senza bavagli.

 

Caro Collega buongiorno,

da un quarto di secolo ormai mi dedico a giornalismo ed editoria con rigore scientifico e spiccata vocazione all’indipendenza. Ed è consono a tale approccio esprimere critiche anche vivaci nei confronti di chi – politici e amministrazioni, rappresentanze di filiera, operatori – non rispetti le regole, l’etica, gli interessi collettivi.

Ho raccolto in questi anni varie diffide da parte di Colleghi di area forense, ricorsi d’urgenza e querele, segnalazioni ad autorità garanti. Oltre a intimidazioni e ritorsioni – di impatto anche grave, sulle mie attività professionali – da parte di soggetti che hanno così confermato la loro mala fede. Ciò peraltro non mi ha mai distratto dalla linea sempre percorsa, improntata all’etica e alla legalità.

Sono desolato di non poter dare seguito ad alcuna delle Tue cortesi richieste di rimozione di articoli ritenuti offensivi dell’industria che rappresenti. Proprio perché non posso sottrarmi dal mantenere un’aspra critica, in questo caso nei confronti di etichette non trasparenti e illecite. Né intendo condividere, come da Te chiesto, gli scritti che ho rivolto alle competenti autorità e agli operatori della distribuzione.

Auspico invece che intenderai esprimere al Tuo Cliente l’opportunità di correggere le proprie politiche di marketing, nelle direzioni della legalità e della trasparenza. Solo così potrà mettersi al riparo da ulteriori scritti e segnalazioni, inevitabili quando si tradisca il patto di fiducia con i consumatori che è alla base del commercio. Chi semina vento, non dimentichiamo, raccoglie tempesta.

Sarò a mia volta lieto di raccogliere eventuali dichiarazioni di ravvedimento operoso, da parte del Tuo Cliente. È proprio questo il vero obiettivo dell’informazione battagliera che porto avanti. Segnalare una criticità, condividerla con i lettori ma soprattutto con gli operatori e gli enti interessati, riflettere su come meglio affrontare la vicenda, adottare una soluzione consona. E l’auto-correzione, se pure tardiva, è sempre favorita.

Un caro saluto

Dario Dongo

Informazioni sull'autore