Consum-attori

Yuka, se la conosci la diffondi. La app conquista 2 milioni di italiani in un solo anno

Yuka, se la conosci la diffondi. La app conquista 2 milioni di italiani in un solo anno

La app Yuka, che svela i profili nutrizionali degli alimenti confezionati, è stata già scaricata da 2 milioni di italiani in un solo anno. Un successo conquistato senza campagne pubblicitarie, ma saldamente ancorato a 4 fattori. Gratuità, immediatezza, attendibilità e indipendenza.

Yuka, un ottimo aiuto nella scelta di alimenti confezionati e cosmetici

Yuka App si scarica gratuitamente sullo smartphone che, attraverso la scansione del codice a barre, rivela in un attimo:

– il profilo nutrizionale di un alimento, attraverso il punteggio NutriScore,

– l’eventuale presenza di additivi alimentari che la letteratura scientifica indica come potenzialmente problematici per la salute,

– il valore aggiunto del bio,

– i prodotti alternativi da preferire, in base ai predetti elementi di valutazione. 60 punti vengono attribuiti per il punteggio NutriScore, 30 per gli additivi, 10 punti extra ai prodotti biologici.

I misteri dei cosmetici sono altresì svelati da Yuka App, che ne decodifica la composizione (Inci) e mette in luce l’eventuale presenza di sostanze sospettate o dimostrate di nuocere alla salute.

Un database sempre più completo

I prodotti a scaffale in Italia valutati dalla app Yuka sono ormai più di 2 milioni. Ciascun utente può inoltre contribuire ad arricchire il database, inserendo i dati di alimenti e cosmetici che tuttora mancano.

Yuka ha 25 milioni di utenti in 12 diversi Paesi. Dal suo lancio, a gennaio 2017, sta registrando proprio in Italia la crescita più rapida. ‘Si tratta del miglior lancio di Yuka rispetto a qualsiasi altro paese. In Francia, dove è stata lanciata per prima, dopo il primo anno contava solo un milione di utenti’, dichiarano i fondatori. ‘Questo successo in Italia dimostra che rispondiamo a un autentico bisogno di trasparenza sulla composizione dei prodotti’, aggiunge la co-fondatrice Julie Chapon.

Indipendenza

Il team francese dei fondatori di Yuka ci tiene a precisare che l’applicazione è completamente indipendente dall’industria, alimentare e cosmetica, e dalla GDO (Grande Distribuzione Organizzata). L’impresa si finanzia con la versione premium della app e con altre attività (un libro e un calendario, a breve disponibili anche in italiano), come già riferito (1,2).

L’indipendenza e la libertà nei giudizi ha già comportato qualche guaio. L’associazione francese dei salumieri ha infatti trascinato in giudizio i fondatori della app per le loro posizioni critiche nei confronti dei nitrati, conservanti quasi sempre aggiunti nelle preparazioni a base di carne, da consumare con estrema moderazione perché nocivi per l’uomo, come abbiamo visto. (3)

Operazione trasparenza

Chi la conosce la diffonde. In appena 12 mesi il tam-tam tra i consumAttori ha favorito la diffusione di questo utile strumento di informazione e aiuto nelle scelte di acquisto.

Il punteggio NutriScore dei singoli prodotti viene così mostrato anche in Italia, ove le lobby industriali e agricole continuano a opporsi alla sua indicazione in etichetta. (4)

Il potere dei consumAttori in una App

Il potere dei consumAttori si esprime anche così. Sempre meno illusi dalle offerte promozionali e più attenti a salute, sostenibilità e benessere, (5) grazie anche a Yuka i consumatori possono decidere di lasciare a scaffale i prodotti con profili nutrizionali squilibrati e additivi problematici.

Così cambia la domanda e cambierà l’offerta, poiché la GDO – ben attenta alle rotazioni dei prodotti a scaffale – saprà stimolare l’industria a migliorare le ricette e incrementare la sostenibilità dei prodotti, alimentari e cosmetici. Siamo perciò lieti di aver celebrato per primi lo sbarco in Italia di questa bella innovazione.

Consumi 4.0, salute e sostenibilità. Sustainable Development Goals #SDG3 e #SDG12.

Marta Strinati e Dario Dongo

Note

(1) Marta Strinati, Dario Dongo. Arriva in Italia Yuka, la app che smaschera gli alimenti squilibrati. GIFT (Great Italian Food Trade). 22.9.20, https://www.greatitalianfoodtrade.it/consum-attori/arriva-in-italia-yuka-la-app-che-smaschera-gli-alimenti-squilibrati

(2) Marta Strinati. Yuka, la app che aiuta a scegliere gli alimenti. Il nostro test. GIFT (Great Italian Food Trade). 30.11.20, https://www.greatitalianfoodtrade.it/consum-attori/yuka-la-app-che-aiuta-a-scegliere-gli-alimenti-il-nostro-test

(3) Marta Strinati, Dario Dongo. La app Yuka condannata a Parigi per le battaglie contro nitriti e nitrati. GIFT (Great Italian Food Trade). 10.6.21, https://www.greatitalianfoodtrade.it/consum-attori/la-app-yuka-condannata-a-parigi-per-le-battaglie-contro-nitriti-e-nitrati

(4) Dario Dongo. NutriScore, Ferrero e Coldiretti contro tutti. GIFT (Great Italian Food Trade). 16.7.21, https://www.greatitalianfoodtrade.it/etichette/nutriscore-ferrero-e-coldiretti-contro-tutti

(5) Marta Strinati. L’Italia post Covid nello scatto del Rapporto Coop 2021. GIFT (Great Italian Food Trade). https://www.greatitalianfoodtrade.it/mercati/l-italia-post-covid-nello-scatto-del-rapporto-coop-2021

Informazioni sull'autore