tipi di tè

tipi di tè

Tipi di tè, istruzioni per l’uso

Si potrebbe dire che a diversi tipi di tè corrispondano persone differenti. Le sfumature, dal gradevole e poco colorato tè verde fino a quello nero, sono numerose e adatte a momenti specifici, dalla colazione al dopocena. Il pubblico italiano muove da tempo i suoi passi in un’antica terra, specializzandosi nel riconoscere tipi di tè, coltivazione, tipi e tecniche di raccolto e fermentazione. Grazie a questo interesse sono originati anche esperimenti di produzione di tè italiano, con successo specialmente nel territorio lucchese.

Questa bevanda, ricca di flavonoidi (capaci di contrastare i radicali liberi), fluoro, potassio, rame, ferro e sali minerali si ottiene attraverso l’infusione delle foglie di Camelia sinensis. I tipi maggiormente usati di foglia e ritenuti migliori per sapore e proprietà nutritive sono quelle più giovani e vicine alla gemma terminale (pekoe). I raccolti sono fatti appassire e poi essiccare. Con quest’ultima operazione si conclude il ciclo produttivo.

Verde, rosso, giallo, bianco, colorazione e aspetto dipendono proprio da queste ultime due operazioni e dai tipi di mistura usata: la maggior parte dei tipi di prodotti in vendita sono infatti definiti “blended“, cioè nati dall’unione studiata di varietà ben distinte.

 

Informazioni sull'autore

Aggiungi commento

Clicca qui per scrivere un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.