tè italiano

tè italiano

Tè italiano oro verde

Nel tempo sono stati elaborati numerosi tentativi di coltivare tè italiano. Pavia, con le sue “camelie antiche” fece il primo passo, con una prova di coltivazione all’interno dell’orto botanico. Purtroppo nessun tè verde venne prodotto dalla “Camelia Thea Ticinensis“, e il tempo passò inesorabile fino ai primi anni ’70 del 1900, periodo in cui gli italiani si innamorarono del tè freddo.

Se nel Belpaese il rituale di questa bevanda è stato scoperto dopo Olanda e Inghilterra (le cui compagnie trasportavano le foglie come riempitivo delle stive, per poi intuirne in seguito le possibilità commerciali), alla fine del XVII secolo, non si sono fatti attendere gli attenti estimatori degli intrinseci e peculiari benefici fisici e “sociali” (porta a conversare, incontrarsi). Giovane, ma molto importante e diffusa è la tradizione del tè italiano servito freddo: con ben quasi cinque decadi il consumo della fresca bibita regna nell’assolata stagione estiva.

Agli albori del nuovo millennio ecco un nuovo tentativo farsi strada, a S. Andrea di Compito (Provincia di Lucca). Qui alcuni filari sono stati messi a dimorare lungo il Rio Visona, per un totale di ben 1400 piante, capaci di produrre 5 kg all’anno di puro tè italiano nero, verde e semi-fermentato dal sapore unico e travolgente.

Informazioni sull'autore

Aggiungi commento

Clicca qui per scrivere un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.