Progresso

Olio di palma, sostituirlo si può. Anzi, si deve

Olio di palma, sostituirlo si può. Anzi, si deve

Olio di palmasostituirlo è possibile. Di più, è ormai imperativo e urgente. E senza aggravare eccessivamente i costi di produzione. Dopo l’allarme EFSA – vedi il Palma Leaks – cresce l’attenzione alla riformulazione delle ricette industriali in versione palm oil free, allo scopo di abbandonare lo scadente e pericoloso grasso tropicale reintroducendo olio extravergine di oliva, di girasole o burro, più sostenibili e migliori sotto l’aspetto nutrizionale.

Il know-how non manca. Già da alcuni anni si lavora per scartare il nocivo olio di palma e sostituirlo con grassi tipici della tradizione italiana e mediterranea, esenti da note gravi criticità quali land grabbing, insostenibilità ambientale e tossicità. Le esperienze di successo hanno dimostrato che adottare gli oli nostrani è facilmente praticabile, senza modificare il profilo organolettico dell’alimento. Avere biscotti, cracker, dolci o altri prodotti liberi da olio di palma è una realtà, come dimostrano le centinaia di referenze rivisitate in chiave palm oil free.

Bandire l’olio di palma e sostituirlo con ingredienti pregiati è semplice e senza gravosi rincari. Secondo i guru della formulazione alimentare l’impatto economico del cambiamento in un prodotto da forno può incidere per circa il 5-6%. Una quota destinata a scendere con la diffusione delle nuove ricette. E in ogni caso sopportabile, se necessaria per migliorare le produzioni alimentari italiane, vessillo del Made in Italy in tutto il mondo.

Informazioni sull'autore

Aggiungi commento

Clicca qui per scrivere un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.