Mercati

Bofrost sceglie il bio e taglia le emissioni nocive

bofrost

Bofrost, leader italiano nella vendita di surgelati a domicili, investe sulla sostenibilità sui due fronti industriale e di filiera. Dimezza i consumi di energia e taglia le emissioni nocive, grazie a un innovativo impianto di refrigerazione. E introduce a catalogo un ampio paniere di alimenti biologici, gli unici davvero in grado di salvaguardare al meglio ambiente e salute.

Bofrost, via ai surgelati bio

La selezione di alimenti bio di Bofrost comprende 33 prodotti. Ne fanno parte verdure al naturale, minestrone, piatti pronti vegan, contorni, pizze, snack, primi piatti, secondi di carne e pesce, frutta, dolci, gelati. (1)

Sostenibilità e innovazione distinguono in particolare le pappe per lo svezzamento Happy Pappe, la prima linea di prodotti per l’infanzia biologici e surgelati in Italia.

Tutti i surgelati biologici di Bofrost Italia sono inoltre confezionati in imballaggi ecosostenibili. Una scelta lungimirante, già adottata da Almaverde Bio per le sue verdure surgelate avvolte in materiali compostabili, che possono perciò venire conferiti assieme alla frazione organica.

Energia solare e celle frigorifere all’avanguardia

Il rinnovamento della sede centrale di Bofrost Italia a San Vito al Tagliamento (Pordenone) – 15.000 metri quadri di uffici, magazzini e celle frigorifere – è altresì improntato alla sostenibilità a tutto tondo. In sostituzione del vecchio impianto refrigerante a fluidi HFC (idrofluorocarburi), nocivi per l’ozono, è stato installato un sistema di refrigerazione transcritica CO2. Con la duplice funzione di alimentare le celle frigorifere ove sono stoccati i surgelati (a -23°C) e fornire aria condizionata agli uffici.

L’impianto a CO2 – un gas naturale, atossico, non infiammabile e non dannoso per l’ozono – dimezza i consumi legati allo stoccaggio di 7mila tonnellate di alimenti surgelati. E l’energia viene ora fornita dai pannelli solari installati sul tetto. Una fonte rinnovabile di energia che viene anche immagazzinata, per soddisfare i fabbisogni notturni. L’acqua calda viene a sua volta utilizzata nei processi.

Il progetto ha ricevuto il premio ‘Best in Europe in sector/Industry’. Ad ATMOsphere Europe 2019, evento internazionale dedicato alla refrigerazione industriale. E si inserisce nel solco del percorso di revisione energetica che coinvolge anche la cinquantina di filiali italiane dell’azienda veneta, soggette a installazione di impianti fotovoltaici.

Note

(1) Alle 500 referenze a catalogo, Bofrost aggiunge 33 alimenti bio. In dettaglio, verdure al naturale (piselli fini, spinaci, broccoli e zucchine), piatti vegani (minestrone, zuppa di cereali, spadellata di legumi e mini burger di ceci, spinaci e fiocchi d’avena), pizze (Schiacciata spinaci e funghi grigliati e Margherita con cereali antichi, Stuzzicotti alla pizzaiola), primi piatti (Spätzle all’uovo, Mezzelune spinacine). Carne e pesce bio includono burger di bovino, filetti di petto di pollo croccante e le vongole dell’Adriatico, una specialità autoctona del litorale della Brussa, una zona di particolare pregio naturalistico che si trova nel comune di Caorle in Veneto. E ancora, frutta (mirtilli, lamponi, fragoline e frutti di bosco), pasticceria (Croissant vuoto e Confettura di albicocche L’Antica Magnolia) gelati (vaniglia, cioccolato, stracciatella e le specialità su stecco e pappe per lo svezzamento surgelate (Happy Pappe).

Informazioni sull'autore