Mercati

Battaglia del grano pastai

Battaglia del grano pastai

Battaglia del grano, i pastai replicano

Troppe importazioni e poco sostegno alle produzioni nazionali. Sul tema fulcro della Battaglia del grano, i pastai non mollano. Secondo Aidepi, Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta Italiane, l’import non si tocca: “Il nostro ruolo di leader mondiali del mercato della pasta ci ha posto, da sempre, tra i Paesi con maggiore fabbisogno di grano duro. Se venisse prodotta pasta di solo grano nazionale, gli italiani dovrebbero rinunciare a tre piatti di pasta su dieci e perderemmo il primato di leader mondiale di produzione ed esportazione di pasta, con danni enormi al settore e agli altri comparti trainati dall’export di pasta, come olio, formaggio e pomodoro”.

I rappresentanti dell’industria pastaria replicano alla Battaglia del grano sostenendo che le produzioni nazionali sono insufficienti e inadatte, e che il fattore prezzo non è la ragione discriminante. “I grani duri esteri più pregiati, che coprono in media il 30-40% del fabbisogno, possono arrivare a costare anche il 10%-15% in più di quelli nazionali, perché solo i migliori frumenti disponibili sul mercato permettono di realizzare la giusta “miscela”, che è il segreto della nostra pasta», sostengono.

A sostegno della Battaglia del grano si pongono invece i pastai che impiegano esclusivamente grano duro italiano, incontrando la preferenza dei consumatori italiani, sempre più consapevoli dell’importanza di consumare quando prodotto all’interno del paese.

Informazioni sull'autore

Aggiungi commento

Clicca qui per scrivere un commento