Idee

Le Cooperative Italiane e la Cina

Le Cooperative Italiane e la Cina

Incoraggiare la formazione e lo sviluppo di cooperative agroalimentari per garantire la sicurezza degli alimenti e filiere integrate, capaci di un’equa distribuzione del valore in tutte le fasi dell’approvvigionamento, grazie a partnership tra gli agricoltori e le imprese. La visione, che somiglia molto alle idee sulla "aggregazione dell’offerta" agricola promosse dall’Unione europea, è di Yin Chengjie, numero uno dell’Associazione Cinese di Economia Agraria.

Gli esperti di Pechino guardano con interesse al modello cooperativo sviluppato nel vecchio continente per aumentare l’efficienza, ridurre l’impatto ambientale e alzare il livello degli standard sanitari, problema che nel Paese del Dragone è al vertice dell’agenda politica ed economica.

Il movimento di cooperative nato in Italia può fornire ottimi esempi sia dal punto di vista dell’innovazione dei processi produttivi, che della qualità dei prodotti. Nella Penisola esiste una lunga storia di cooperative di consumo (come la Coop), ma anche di produzione in tutti i settori dell’agrifood: dal vino (Cavit) al lattiero caseario (Granarolo), dai preparati (Conserve Italia) a eccellenze della catena del freddo ad alta tecnologia (Orogel).