Idee

Italia primo paese esportatore

Italia primo paese esportatore

Nel 2011-2012 l’Italia ha confermato di essere il primo esportatore al mondo di olio di oliva confezionato, con le vendite aumentate di circa il 3%. A trainare l’espansione dell’offerta del settore è soprattutto l’andamento degli oli bio. Lo dicono i dati dell’osservatorio di Assitol, l’associazione degli imprenditori del comparto, riportati dal nostro media partner DM. L’olio convenzionale limita le perdite (-2,6%), crollano invece l’olio a marchio "100%" italiano (-35,7%), le DOP e le IGP (-64,3%), mentre il biologico guadagna oltre il 12%. L’export vede gli Usa confermarsi paese leader dell’import di olio confezionato dalle aziende italiane, con un aumento degli scambi del 5,3%. In Europa, la sorpresa viene dall’Est, dove si registra un aumento di interesse, in Russia (+25%) degli acquisti, Croazia (+20%), Repubblica Ceca (+11,8%), Serbia (+17%) e Polonia (+1,2%). Guardando ancora più a oriente, verso l’Asia, le prospettive sono ancora migliori con l’aumento delle esportazioni in Giappone, India, Cina e Corea del Sud.