Idee

Deserti svela i dettagli

Deserti svela i dettagli

“Ora il nome Parmigiano Reggiano potrà finalmente essere pienamente tutelato anche nel territorio della Federazione Russa, sia nell’interesse dei produttori, sia dei consumatori di quell’area”. Così Riccardo Deserti, direttore del Consorzio del Parmigiano Reggiano, ha commentato la decisione del governo russo di permettere la registrazione del Parmigiano Reggiano come Denominazione di Origine su tutto il suo territorio. Le sue dichiarazioni sono riprese da Distribuzione Moderna.
“Nella Federazione Russa – spiega Deserti – la disciplina sulle denominazioni è prevista nell’ambito del Codice Civile, ove è trattata la materia della proprietà intellettuale in tutti i suoi aspetti. Finalmente il Consorzio sarà in grado di attivarsi per impedire l’uso improprio del riferimento a ‘Parmigiano Reggiano’ secondo il quadro di protezione previsto”.
“Il risultato ottenuto – continua Deserti – è particolarmente importante alla luce della rapida crescita economica che sta connotando la Federazione Russa, dove le possibilità di far crescere il nostro export è dimostrata, paradossalmente, dai numerosi fenomeni di contraffazione e usurpazione che abbiamo già intercettato nei mesi scorsi”.