Idee

CIBO&ARTE – Il Mangiafagioli di Carracci

CIBO&ARTE – Il Mangiafagioli di Carracci

A Roma, nel rione Trevi, il Palazzo Colonna ospita l’omonima Galleria. Nella sala dell’Apoteosi di Martino V, una delle opere più espressive della preziosa collezione d’arte è il dipinto di Annibale Carracci: Il mangiafagioli, del quale non si ha notizia di documenti probanti della datazione, ipotizzata tra il 1583 e il 1585. Allo stesso periodo è attribuito un altro dipinto del Maestro: La bottega del macellaio (oggi ospitata dalla Christ Church di Oxford) ove in primo piano spiccano, pendenti da ganci sovrastanti, due quarti di carne bovina.

                                     1235f5f6 aa37 4c32 88bd 9f71171943c4

 

Per Il Mangiafagioli si è parlato di una figura connessa con quello dello Zanni, versione veneta del nome Gianni, della Commedia dell’arte, essendo i fagioli tradizionalmente intesi come il cibo degli sciocchi. Un epiteto ingiurioso, dunque, nelle polemiche campanilistiche e regionali.

Nel quadro, di realistica ispirazione, l’azione è ambientata in una taverna. Seduto a una tavola, assai modestamente imbandita, un popolano, con un cappello di paglia sulla testa, è intento – colto nell’attimo di portare alla bocca con la mano destra un cucchiaio ricolmo di legumi – a consumare un piatto di fagioli.

L’altra mano, poggiata sul desco, serra un pezzo di pane. Sulla tavola sono in mostra altro pane, un mazzetto di cipolle, un piatto di funghi e una caraffa, accanto e davanti alla quale sta un bicchiere colmo a metà di vino bianco.

(Bruno Nobile)