Idee

CETA, ‘Italian sounding’ e contraffazione

CETA, ‘Italian sounding’ e contraffazione

Nel silenzio dei ‘mainstream media’, come è d’uso sulle questioni che i poteri forti intendono portare avanti senza intralci (1) da parte della popolazione, l’accordo CETA (Comprehensive Economic and Trade Agreement) è stato concluso, in attesa delle ratifiche parlamentari.

Tale accordo malauguratamente include le derrate agricole e alimentari, il che comporterà di fatto la maggior cedevolezza delle nostre frontiere a prodotti derivati da animali clonati e loro progenie, derrate OGM e ‘diversamente OGM’ (NPBTs), cereali e semi trattati con glifosato e dicambaanche dopo la raccolta, eccetera.

 8015f506 4304 406f a58d 5e5aa2e71efe

Risulterà poi più facile trovare sui nostri scaffali prodotti come quelli qui raffigurati in immagine, già ora reperibili in Italia nei negozi di ‘specialità’, o ‘delikatessen’, come Castroni a Roma. 

 

 

d83aca40 9050 4421 9454 e79c2722a5e6

Una bottiglia di condimento per insalata vale a esprimere la più grossolana mistificazione del ‘Made in Italy’ alimentare, in palese violazione tra l’altro delle norme vigenti. Laddove, in un prodotto designato con marchio di sonorità italiana (‘Cardini’), si vanta la presenza di un improbabile ‘Italian cheese’ poi citato come ‘Parmesan‘, in spregio alla Convenzione di Stresa del 1951 e al sistema europeo di tutela del Parmigiano Reggiano DOP.

Teniamoci forte!

Dario Dongo

 

Note

(1) http://ttip2016.eu/sign-the-petition-against-ttip-and-ceta-copy.html