HomeIdeeAgricoltura ucraina, gli ‘aiuti’ dell’Occidente

Agricoltura ucraina, gli ‘aiuti’ dell’Occidente

Gli ‘aiuti’ dell’Occidente apporteranno all’agricoltura ucraina nuovi semi ibridi, forse OGM, e pesticidi di Corteva – la Corporation creata mediante fusione di Dow, DuPont e Pioneer – tramite USAID (U.S. Agency for International Development) attraverso AGRI-Ukraine (Agriculture Resilience Initiative – Ukraine).

L’accordo tra l’agenzia USA, il ministero ucraino per l’agricoltura del governo Zelenski e vari operatori lo economici interessati – la tedesca Bayer, gli ucraini Grain Alliance, Kernel, Nibulon, e la World Bank – appare peraltro velleitario, rispetto agli obiettivi dichiarati, sotto diversi aspetti. Alcuni dati e brevi note a seguire.

1) USAID – Corteva, aiuti di Stato travestiti da aiuti all’Ucraina

USAID, nel proprio comunicato stampa 5.6.23, dichiara di avere stanziato US$ 100 milioni per lanciare il nuovo programma dedicato all’agricoltura ucraina. E confida di raccogliere altri US$ 150 milioni, grazie anche ai contributi di altri donatori, nel settore privato e le fondazioni, con un obiettivo di investimento complessivo di US$ 250 milioni. (1)

Corteva Agroscience – uno dei quattro monopolisti globali di pesticidi e sementi (Big 4) – ha annunciato ad aprile 2022 il fermo della produzione e il ritiro dal mercato russo, che valeva il 2% circa del proprio fatturato globale. (2) Il ministero russo dell’agricoltura ha a sua volta annunciato la rimozione dei prodotti Corteva dal registro nazionale delle sementi. (3)

La partnership tra USAID e Corteva Agroscience (Illinois, USA) ha dunque una prima funzione, dietro il vessillo dell’agricoltura ucraina, che in gergo WTO è nota come ‘aiuti di Stato’. E si aggiunge al poderoso sistema di sussidi introdotto nel 2022 per attrarre gli investimenti negli Stati Uniti d’America (Inflation Reduction Act, IRA). (4) Nel silenzio di tomba, ça va sans dire, dei sempre succubi politicanti europei.

2) Agricoltura ucraina, nuovi OGM e pesticidi in arrivo

L’obiettivo condiviso da Corteva e USAID – ‘per aumentare l’accesso degli agricoltori ai fattori di produzione, ai finanziamenti e allo stoccaggio post-raccolta’ – è portare in Ucraina:

  • germoplasma evoluto’. Leggasi nuovi OGM, non identificati né tracciati né etichettati come tali, secondo l’approccio USA,
  • semi ibridi’, che gli agricoltori non possono conservare per i nuovi raccolti,
  • prodotti per la protezione delle colture’, cioè pesticidi chimici, per
  • sostenere il mercato agricolo globale’ che a sua volta è dominato per il 70-90% dalle quattro Corporation Archer-Daniels Midland, Bunge, Cargill, Dreyfus (ABCD). (6)

3) ‘Black Sea grain initiative’, rinnovo incerto

Black Sea grain initiative’ – l’accordo stipulato il 22.7.22 in Turchia, tra Russia e Ucraina, volto a garantire la continuità dei trasporti di commodities alimentari (es. grano, mais, girasole, orzo) tramite un corridoio di sicurezza sul mar Nero – termina il 17.7.23.

La Russia sta tuttavia valutando l’ipotesi di ritirarsi da tale accordo poiché l’Occidente non ha rispettato i propri impegni di reciprocità, mantenendo in essere le sanzioni sui prodotti alimentari e i fertilizzanti di provenienza russa. (7)

4) Colture danneggiate?

Le produzioni agricole un tempo rappresentavano il 20% del GDP (gross domestic product) ucraino e il 40% del suo export complessivo. La guerra ha provocato un calo produttivo stimato nel 30-40% e l’accesso a fattori critici di produzione come sementi, fertilizzanti, carburante ed energia, secondo USAID, è il primo problema da risolvere.

L’Accademia ucraina di scienze agrarie ha rivelato la scorsa settimana che il Paese potrebbe perdere il 20% del suo raccolto di cereali invernali se il clima secco e caldo dovesse persistere. Ciò ridurrà la produzione cerealicola ucraina a 44,5 milioni di tonnellate, in ulteriore calo rispetto alle previsioni di inizio 2023 dell’Associazione Ucraina per il Grano (50 mln t).

5) Uranio impoverito

L’amministrazione Biden, dopo il governo UK, ha deciso di inviare all’Ucraina munizioni all’uranio impoverito (depleted-uranium, DU), un sotto-prodotto del suo arricchimento per fini energetici e militari. (8) Una scelta in apparenza vantaggiosa per i ‘donatori’, i quali possono così smaltire in territori lontani metalli pesanti tossici con un indice medio di radioattività pari al 60% dell’uranio naturale.

La tossicità dell’uranio impoverito per la salute dei ‘riceventi aiuto’, l’ambiente e l’agricoltura (suoli, acque) non sembra però essere stata considerata. (8) Né si è considerata la persistenza nell’ambiente dell’uranio, che impiega circa 4,5 miliardi di anni per decomporre la sola metà della quantità dell’isotopo U-238 (che ne costituisce il 99,2%). (9)

6) Mine e bombe a grappolo

I suoli agricoli dovranno altresì venire bonificati da mine e munizioni inesplose, nonché le bombe a grappolo (cluster bombs), il cui utilizzo è già stato denunciato da entrambe le parti in conflitto. Il governo Zelenski sta ora facendo pressioni sul Congresso USA per l’invio di cluster bombs in Ucraina. (10) Con il sostegno del comandante delle forze armate NATO in Europa, il generale Christopher Cavoli, il quale ha dichiarato al Congresso che tali armi potrebbero essere ‘molto efficaci’ contro le truppe russe.

Né gli Stati Uniti, né la Russia, né l’Ucraina hanno del resto aderito alla Convention on Cluster Munitions (2008), alla quale hanno finora aderito 123 Paesi nel mondo, per vietare l’uso, la produzione, il trasferimento e lo stoccaggio di munizioni a grappolo.

Gli attivisti per i diritti umani hanno segnalato i rischi che le bombe a grappolo inesplose possano causare vittime civili anche molto tempo dopo la fine del conflitto. Ma il delirio bellico non conosce ragioni.

7) Conclusioni provvisorie

L’agricoltura ucraina viene oggi presentata come la risorsa cruciale da proteggere, per garantire la food security a livello planetario. Gli aiuti di Stato USAID-Corteva potranno pure apportare sementi ibride (probabilmente OGM) e pesticidi ma gli ‘aiuti’ militari – che nel solo 2022 sono valsi più di cento volte tanto (US$ 16 miliardi) – continuano ad aggravare le condizioni dei terreni con residui bellici, metalli pesanti e radioattivi.

Black Rock – il giga-investitore USA con US$ 8,6 trilioni di assets (quasi il doppio del GDP della Germania) – a sua volta ha già stipulato un accordo, con il governo ucraino, in vista della privatizzazione di quanto rimarrà dell’intero Paese (11,12). Un segnale di speranza per una nuova pace, forse, un anno dopo il ritiro dell’Ucraina dall’accordo di Istanbul. (13) La popolazione maschile in età lavorativa, intanto, continua a venire destinata a ‘carne da cannone’. (14)

Dario Dongo

Note

(1) USAID. USAID and Corteva Agriscience Combine Efforts to Support Ukrainian Farmers. https://www.usaid.gov/news-information/press-releases/jun-05-2023-usaid-and-corteva-agriscience-combine-efforts-support-ukrainian-farmers Press release. 5.6.23

(2) Corteva, Inc. Management’s discussion and analysis of financial conditions and results of operations. https://tinyurl.com/mrxsbwry Market screener. 9.2.23

(3) Corteva seeds to be excluded from Russian registry. Interfax. https://interfax.com/newsroom/top-stories/88737/ 16.3.23

(4) Christian Scheinert. EU’s response to the US Inflation Reduction Act (IRA). Think-tank, European Parliament. https://tinyurl.com/mr239sde 2.6.23

(5) Marta Strinati, Dario Dongo. USA, 45mila nuovi Ogm l’anno fuori controlloGIFT (Great Italian Food Trade). 8.7.19

(6) Marta Strinati. Aumento dei prezzi e crisi alimentare in tempo di guerra. Retroscena nel rapporto iPES FOOD. GIFT (Great Italian Food Trade). 10.5.22

(7) Russian ‘goodwill’ on Black Sea grain deal is ‘not endless’ – Kremlin. https://www.reuters.com/article/ukraine-crisis-kremlin-grain-idAFL8N3863ER Reuters. 14.6.22

(8) David Swanson. New Study Documents Depleted Uranium Impacts on Children in Iraq. https://www.foreignpolicyjournal.com/2019/09/21/new-study-documents-depleted-uranium-impacts-on-children-in-iraq/ Foreign Policy Journal. 21.9.19

(9) Kathryn Higley. The US will send depleted uranium munitions to Ukraine—despite military, health and environmental effects. https://phys.org/news/2023-06-opinion-depleted-uranium-munitions-ukrainedespite.html Phys-org. 16.6.23

(10) Daniel Boguslaw, Akela Lacy. House democrats refuse to say whether they support cluster bombs shipments to Ukraine. https://theintercept.com/2023/06/14/ukraine-cluster-munitions-bombs/ The Intercept. 14.6.23

(11) Bradley Devlin. BlackRock Plots to Buy Ukraine. https://www.globalresearch.ca/blackrock-plots-buy-ukraine/5803685 Global Research. 4.1.23

(12) BlackRock launches Ukraine Development Fund together with the Ukrainian government. https://tinyurl.com/ax24xd4z Bne IntelliNews. 9.5.23

(13) Rajarshi Nath. Ukraine abandoned peace agreement, says Putin while flaunting documents. https://tinyurl.com/akz9cp9k Republic World. 18.6.23

(14) Maurizio Blondet. Gli americani mandano al massacro gli ucraini. Scientemente. https://www.maurizioblondet.it/gli-americani-mandano-al-massacro-gli-ucraini-scientemente/ 16.6.23

+ posts

Dario Dongo, avvocato e giornalista, PhD in diritto alimentare internazionale, fondatore di WIISE (FARE - GIFT – Food Times) ed Égalité.

Articoli correlati

Articoli recenti

Commenti recenti

Translate »