Etichette

Niente marchio col gallo sui vini, vittoria del Chianti Classico al Tribunale UE

Niente marchio col gallo sui vini, vittoria del Chianti Classico al Tribunale UE

Il Consorzio vino Chianti Classico celebra la vittoria al Tribunale UE che con sentenza 14.4.21 ha confermato il diniego alla registrazione di un marchio con l’effige di gallo nella classe delle bevande alcoliche. (1) Un approfondimento.

Marchio col gallo sui vini, registrazione respinta

Il 21.9.17 la Berebene Srl con sede in Roma aveva presentato a EUIPO (European Union International Property Office) la domanda di registrazione di un marchio figurativo, ‘GHISU’, nella classe 33 dell’Accordo di Nizza (bevande alcoliche, birre escluse). Il 21.12.17 il Consorzio vino Chianti Classico presentava opposizione alla richiesta, deducendo la sua somiglianza con il marchio collettivo italiano ‘Chianti Classico’, registrato il 20.1.14. (2)

Il 18.1.19 la divisione di opposizione EUIPO accoglieva la richiesta del Consorzio vino Chianti Classico. Il 14.3.19 Berebene Srl presentava ricorso che veniva però respinto, il 23.1.20, dalla prima commissione di ricorso EUIPO. Berebene Srl ha impugnato tale decisione presso il Tribunale UE che tuttavia, il 14.4.21 ha confermato le precedenti decisioni di EUIPO.

Questione di diritto

La registrazione è altresì esclusa se il marchio è identico o simile al marchio anteriore, a prescindere dal fatto che i prodotti o i servizi per i quali si chiede la registrazione siano identici, simili o non simili a quelli per i quali è registrato il marchio anteriore, qualora,

– nel caso di un marchio UE anteriore, quest’ultimo sia il marchio che gode di notorietà nell’Unione o,

– nel caso di un marchio nazionale anteriore, quest’ultimo sia un marchio che gode di notorietà nello Stato membro in questione

e l’uso senza giusto motivo del marchio depositato possa trarre indebito vantaggio dal carattere distintivo o dalla notorietà del marchio anteriore o recare pregiudizio agli stessi.’ (reg. UE 2017/1001, articolo 8.5).

Notorietà e somiglianza tra i marchi, il caso Chianti Classico

Il marchio Chianti Classico ha un’elevata notorietà, dimostrata dal Consorzio con ampia documentazione, che si associa al territorio e alla produzione del suo vino. Il Tribunale UE, nel confermare la decisione della commissione EUIPO, ha evidenziato quindi come il carattere distintivo intrinseco del marchio anteriore debba valutarsi nella prospettiva dei consumatori che associano l’immagine del gallo di profilo proprio al Chianti.

CHIANTI CLASSICO VS ghisu

La somiglianza visiva e concettuale tra due marchi associati ai vini – recanti immagine di un gallo intero di profilo, in rilievo e posizione centrale – comporta perciò un rischio non ipotetico di confusione. E così provocare un effettivo, indebito vantaggio a favore dell’impresa ricorrente. A prescindere dai dettagli figurativi (es. bianco e nero vs. colore, sfondo lineare o istoriato) e dalla circostanza che il ricorrente intendesse applicare tale marchio su un vino bianco anziché rosso.

Conclusioni

Il Tribunale UE ha infine ribadito che il marchio possiede un valore economico intrinseco e meritevole di tutela, distinto da quello dei prodotti o servizi per i quali è registrato. Per concludere con la conferma della decisione EUIPO e condannare il ricorrente al pagamento delle spese legali.

La decisione così conferma l’importanza di eseguire appropriati studi di anteriorità prima di registrare i marchi. Ma anche l’inutilità e gli elevati costi di perseverare nei tentativi di registrare marchi simili nelle stesse classi di prodotti e/o servizi. La progettazione e registrazione di un nuovo logo, autenticamente distintivo, può consentire di creare valore a costi inferiori rispetto a quelli di un contenzioso, in tempi brevi e senza rischi di soccombenza.

Dario Dongo e Martina Cavarzere

Immagine di copertina da Carlo Macchi, 22.10.20 su Winesurf https://www.winesurf.it/

Note

(1) Tribunale UE, Decima Sezione. Sentenza 14.4.21 nella causa T‑201/20, Berebene Srl v. Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO), con intervento del Consorzio vino Chianti Classico. https://curia.europa.eu/juris/document/document.jsf?text=&docid=239872&pageIndex=0&doclang=IT&mode=req&dir=&occ=first&part=1&cid=4881527
(2) Reg. UE 2017/1001, sul marchio dell’Unione europea. Testo consolidato al 16.6.17 su https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/?qid=1621544112796&uri=CELEX%3A32017R1001#

Informazioni sull'autore