Consum-attori

Confezioni alimentari ingannevoli. La petizione di Foodwatch

Confezioni alimentari ingannevoli. La petizione di Foodwatch

Le confezioni alimentari ingannevoli, che suggeriscono un contenuto superiore a quello reale, sono finite nel mirino di Foodwatch. La sede francese dell’associazione di consumatori internazionale individua 7 casi in cui l’alimento è inferiore fino al 68% rispetto alla capienza dell’imballaggio. E lancia una petizione per ottenere un cambiamento.

Confezioni alimentari ingannevoli

L’iniziativa di Foodwatch contrasta la pratica di usare un packaging sproporzionato sia per l’inganno in cui cadono i consumatori, sia per il danno ambientale, in termini di spreco di risorse e produzione di rifiuti.

Al netto delle esigenze tecnologiche, che talvolta (raramente) richiedono un imballaggio maggiorato per proteggerei cibi, la diffusione di confezioni alimentari ingannevoli e sovradimensionate è un fenomeno puramente commerciale. Una strategia volta ad attrarre il consumatore con l’illusione di un grande pacco. Appunto. E non a caso questa pratica spesso si abbina a prezzi per unità di misura superiori a quelli della concorrenza. Anche l’aria si paga (!).

7 casi esemplari

L’organizzazione ha individuato 7 casi esemplari del fenomeno. Comparandoli con prodotti simili, ha misurato la percentuale dello spazio vuoto, che residua dalla differenza tra la confezione e l’alimento contenuto.

1 – Cereali e quinoa Barilla: 60%

2 – Céréales Crunchy Carrefour, 50%

3 – Herbes basilic (basilico) Monoprix, 35%

4 – Taboulé Bio Léa Nature, 58%

5 – Thé vert bio pêche hibiscus Lipton, 43%

6 – Steak di soja Sojasun, 34%

7 – Dés de saumons (bocconcini di salmone) E.Leclerc, 68%.

La petizione, Carrefour reagisce

Contro il fenomeno delle confezioni alimentari ingannevoli, Foodwatch invita a firmare la petizione che chiede ai produttori e/o distributori dei 7 prodotti selezionati un impegno concreto a ridurre gli inutili sovradimensionamenti del packaging o a giustificarne l’esigenza in etichetta. Ipotesi poco praticabile, quest’ultima, considerato che per ciascun prodotto selezionato esiste un’alternativa confezionata in modo più efficace.

Dei 7 destinatari della petizione soltanto Carrefour ha reagito tempestivamente. Il 18.9.20, l’insegna francese ha accettato di ridurre le dimensioni dell’imballaggio segnalato da Foodwatch e ha ribadito il suo impegno a ridurre i propri imballaggi di 5.000 tonnellate entro il 2025.

Informazioni sull'autore