Macchine da caffè

Macchine da caffè italiane

macchine-da-caff%C3%A8-italiane

Macchine da caffè italiane, così si usa la moka

La scelta delle migliori macchine da caffè italiane è un tassello essenziale dell’arte di preparare un caffè che risvegli tutti i sensi. Vale per gli apparecchi professionali, le moderne macchine a cialda e a capsula che riproducono in casa il mitico espresso, ma anche per la tradizionale e apparentemente semplice moka, la regina di tutte le macchine italiane. Usarla bene, però, vuol dire ricordare alcune regole d’oro. Con una premessa: mai lavare queste icone italiane con il detersivo, se non si vuole rovinare la degustazione.

L’acqua deve essere poco dura – l’ideale è avere una minerale a basso residuo fisso – e colmare la caldaia senza superare la valvola di sicurezza. La polvere, del giusto grado di macinazione, conservata in frigorifero, nonché di elevata qualità, va livellata e pressata leggermente nel filtro. Una volta avvitato (senza eccedere), l’apparecchio va messo sul fornello a fiamma bassa. Meglio lasciare il coperchio aperto, per evitare ribolliture nocive, e spegnere il fuoco appena il liquido raggiunge il beccuccio.

Un trucco per mantenere in perfetta efficienza le macchine italiane della tradizione: ogni 2-3 mesi fare una moka con aceto bianco poco diluito e subito dopo farne un’altra riempita di macinato, da gettare via.

Informazioni sull'autore

GIFT

GIFT

Aggiungi commento

Clicca qui per scrivere un commento