Caffè

Caffè espresso

Caffè espresso

Caffè espresso italiano, vietato improvvisare

Calibrare la macinatura, pressare la polvere nel filtro correttamente, non superare i tempi di estrazione. Un caffè espresso italiano preparato a regola d’arte discende da precise regole. Molto incide la qualità delle macchine da caffè espresso, professionali o a uso domestico, e le miscele selezionate. Ma altrettanto decisiva per la riuscita è l’abilità del barista.

La perfezione si raggiunge facendo passare il getto di acqua calda sotto pressione (almeno 9 atmosfere) attraverso 7 grammi di caffè macinato da poco e nel giusto calibro, sottile e ben pressato. Per definizione, una tazzina deve contenere 25 ml, massimo 30. E donare tutte le note aromatiche accompagnate all’assaggio da una piacevole sensazione vellutata, prodotta dalla crema, che secondo il disciplinare dell’Istituto Espresso Italiano deve essere ‘consistente e di finissima tessitura, di color nocciola tendente al testa di moro, resa viva da riflessi fulvi’.

Si tratta di un ottimo espresso quando alla degustazione risulta corposo e vellutato, giustamente amaro e mai astringente. E se l’aroma, intenso, è ricco di percezioni di fiori, frutta, cioccolato e pane tostato. Poche prescrizioni da attuare alla lettera per un successo garantito.

 

Informazioni sull'autore

Aggiungi commento

Clicca qui per scrivere un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.