Archivio

L’eurodeputato La Via: i regimi fiscali vanno armonizzati

L’eurodeputato La Via: i regimi fiscali vanno armonizzati

La tassazione sulle attività agricole va armonizzata il più possibile nell’Ue, soprattutto per evitare il rischio di delocalizzazione della produzione vinicola tra gli Stati membri. Lo chiede l’eurodeputato italiano Giovanni La Via in un’interrogazione parlamentare indirizzata alla commissione europea. “La presenza di regimi fiscali differenti”, scrive La Via, crea le premesse nel settore del vino per “sperequazioni commerciali nonché delocalizzazioni produttive nell’ambito degli stessi Stati membri”. “La proposta relativa a una base imponibile consolidata comune” per l’imposta sulle imprese è attualmente in discussione, ha ricordato il commissario per la fiscalità Algirdas Šemeta nella sua risposta scritta. Una volta adottata “dovrebbe garantire benefici agli operatori economici soggetti alla tassazione di impresa, compresi i produttori vitivinicoli, grazie all’eliminazione degli ostacoli alle attività transfrontaliere” all’interno dell’Ue. Replica putroppo fuori tema rispetto alla domanda, che non verteva sul funzionamento del mercato unico Ue quanto sui rischi di “fuga” delle imprese a caccia del regime fiscale più conveniente.