Archivio

I Dati Aidepi

E’ stato un 2012 positivo per le esportazioni di pasta e dolci italiani. Lo evidenziano i dati presentati da Aidepi, l’associazione che rappresenta gli interessi dell’industria della pasta e dei dolci, cereali pronti per la prima colazione, del cioccolato e dei prodotti a base di cacao, gelati, confetteria, biscotti e pasticceria e prodotti dolciari da forno. E’ la funzione trainante dell’export che consente al comparto di crescere e consolidarsi, come riportato dal nostro media partner DM. Riguardo la pasta, rispetto al 2011 gli scambi con l’estero sono aumentati del 6,8% in valore dell’1,8% in volume. Il settore dolciario ha fatto ancora meglio, con l’export che ha registrato un +11% nel giro d’affari e un 6,2% nelle quantità.
Il vento soffia verso est e i nuovi mercati più promettenti per pasta e dolci sono a Oriente. Per quanto riguarda la pasta: l’Ucraina (+34,9% in volume e 32,9% in valore) e, fuori dall’Europa, il Giappone (+4,7% e +10%), la Cina (+42% e +49,5%), e la Russia (+13% e +9%). Di grande interesse l’incremento mostrato dall’India (+20,6% e 22,8%). Anche per il segmento dei dolci il continente asiatico si conferma, dopo l’Europa, il traino principale dell’export, in particolare la Turchia, che ha raddoppiato le sue importazioni dall’Italia (+169,2% e +133%).