Archivio

Artigianale e industriale

Classico, antico, artigianale, gli italiani hanno per il gelato una vera e propria passione. Così intensa è questa passione dei consumatori del Belpaese da aver indotto un continuo miglioramento e una grande differenziazione dell’offerta per venire incontro ai desideri e ai gusti più svariati.

La passione italiana per il gelato vale circa 2 miliardi di euro solo di consumo interno e ha radici antiche. Già nel IX secolo gli arabi avevano introdotto il sorbetto in Sicilia, e fu proprio un cuoco siciliano che alla fine del Seicento realizzò a Parigi una miscela di gelato molto simile a quella oggi apprezzata da tutti. Da oltre 4 secoli esso è perciò uno dei simboli del made in Italy.

Nella penisola esistono tre filoni produttivi. La gelateria artigianale, ove si lavorano in loco ingredienti come latte, uova e frutta. C’è poi il gelato preparato con modalità semi-artigianali che, con l’ausilio dei semilavorati industriali italiani, consente di realizzare una varietà di prodotti freschi anche nei paesi più lontani. Infine, il gelato industriale prodotto in Italia e commercializzato in tutto il mondo grazie all’efficienza di logistica e catena del freddo.